E-commerce: le informazioni obbligatorie sul sito web

E-commerce: le informazioni obbligatorie sul sito web

E-commerce: le informazioni obbligatorie sul sito web
E-commerce: le informazioni obbligatorie sul sito web

E-commerce: le informazioni obbligatorie sul sito web

Nella mia esperienza professionale mi è capitato spesso di imbattermi in siti web per e-commerce non conformi a quanto la normativa prevede in tema

di informazioni obbligatorie.

Ciò espone le imprese a inutili rischi legali. Vediamo in sintesi
quali.

Come (dovrebbe essere) noto, la
normativa che regolamenta il commercio elettronico

(ovvero essenzialmente il D.lgs. n. 70/2003 e il Codice del Consumo)

ha lo scopo di assicurare trasparenza ed informazione all’acquirente – che a causa delle peculiarità dell’e-commerce non può avere una conoscenza

diretta né un contatto immediato con il venditore – e di rendere  affidabili e sicure le transazioni on line.

Per assicurare ciò, il venditore on line ha l’obbligo di fornire una serie di informazioni, sia sul proprio sito web, prima dell’ordine, che dopo

l’ordine (a mezzo e-mail) .

Iniziando dalle prime – cioè le
informazioni che devono essere fornite prima che il contratto on line sia
concluso),

il sito web utilizzato dall’impresa per la sua attività di commercio elettronico deve contenere sempre essenzialmente le seguenti

informazioni:

  • dati riguardanti l’identificazione del venditore/prestatore di servizi (nome, denominazione societaria, domicilio, sede, telefono , posta elettronica, numero iscr. REA – Reg. Imprese etc.);
  • indicazione di prezzi e tariffe relative ai beni/servizi, con oneri fiscali , costi di consegna ed altri costi accessori; eventuali agevolazioni quali sconti, risparmi e vantaggi simili possono essere promossi sul sito solo se effettivi e se vengano comunicati il prezzo pieno di riferimento, a cosa corrisponde tale prezzo (es. prezzo di listino, prezzo applicato dal fornitore) e lo sconto/risparmio applicato;
  • esistenza del diritto di recesso (ivi compreso il modulo per il recesso) o esclusione dello stesso (nelle sole ipotesi tassativamente previste dalla legge ) con modalità tempi per ritiro o la restituzione bene nel caso di recesso;
  • le modalità di pagamento, consegna (ivi comprese eventuali restrizioni) ed esecuzione dell’ordine;
  • garanzie legali connesse alla vendita;
  • indirizzo del fornitore per eventuali reclami;
  • link alla piattaforma di risoluzione stragiudiziale delle controversie (ODR).

Vi sono inoltre delle informazioni che devono essere necessariamente fornite solo nel caso in cui il contratto venga concluso attraverso il sito web

( ad esempio tramite compilazione dei campi informatici all’ uopo predisposti ) e non qualora l’acquisto avvenga tramite scambio di

corrispondenza o e-mail.

Tali informazioni riguardano :

  • le fasi tecniche da seguire per la conclusione del contratto;
  • il modo in cui il contratto verrà archiviato e le relative modalità di accesso allo stesso;
  • i mezzi tecnici messi a disposizione del destinatario per individuare e correggere gli errori prima dell’inoltro dell’ordine;
  • gli eventuali codici di condotta del prestatore;
  • le lingue a disposizione per concludere il contratto;
  • gli strumenti di composizione delle controversie.

Tutte tali
informazioni devono essere fornite in modo:

  • facilmente accessibile (cioè qualsiasi utente medio deve  essere in grado senza particolari difficoltà di accedere alle informazioni);
  • diretto (cioè non possono essere utilizzati intermediari, o rinviare a link e altre informazioni rese disponibili altrove, l’utente deve conoscere in un unico contesto le informazioni tramite lo stesso sito nel quale è offerto il bene o il servizio)
  • permanente (cioè devono essere accessibili in modo stabile);
  • aggiornato.

Inoltre, tali informazioni devono essere fornite in modo appropriato rispetto al mezzo di comunicazione a distanza impiegato, con un

linguaggio semplice, chiaro e comprensibile (landing page, email, banner).

Cosa
accade
quando l’impresa disattende tali
previsioni?

L’impresa va incontro a sanzioni, che possono essere irrogate
dall’Autorità garante per la concorrenza e il mercato (AGCM).

L’AGCM è un organo amministrativo dotato di poteri molto penetranti (può ad esempio servirsi della Guardia di Finanza, ordinare ispezioni etc.),

ed agisce (anche d’ufficio, cioè senza necessità di denuncia) in base ad una procedura molto efficace e breve (specie se paragonata a quella

dell’autorità giudiziaria).

In particolare, possono essere irrogate le
seguenti sanzioni:

  • sanzioni fino a 20.000,00 Euro, per la violazione degli obblighi informativi;
  • sanzioni fino a 5 mln. di Euro, se la violazione di tali obblighi sia ritenuta integrare una pratica commerciale scorretta, cioè un comportamento contrario alla diligenza professionale, idoneo a falsare il comportamento economico del consumatore medio (il che accade spesso). In tal caso, l’AGCM, nelle more del procedimento (che è comunque piuttosto breve), può sospendere l’utilizzo del sito web attraverso cui l’impresa esercita la propria attività (e anche questo avviene molto spesso);
  • pubblicazione del provvedimento sanzionatorio sul sito dell’AGCM e talvolta anche sul sito web dell’operatore.  

Il suggerimento per le imprese che operano nell’e-commerce è ovvio: verificate attentamente, tramite un consulente legale specializzato in

materia, che il Vs. sito web sia conforme alla normativa vigente, per evitare

sanzioni che possono essere pesanti – anche sul piano dell’immagine – e/o il blocco della Vs. attività.

Avv. Valerio PandolfiniE-commerce: le informazioni obbligatorie sul sito web

Inviaci le tue domande o richiedi approfondimenti su questo argomento!

[contact-form-7 404 "Not Found"]

FRANCHISING IN ITALY  –  FRANCHISING IN USAAFFILIATI IN FRANCHISING

Seguici su:

L’articolo E-commerce: le informazioni obbligatorie sul sito web sembra essere il primo su Studio legale Pandolfini – Assistenza legale alle imprese e consulenza franchising.

Source: ALI

Tags:
No Comments

Post A Comment